I miei corsi

Sono sempre molto attenta ai messaggi del mio corpo, della mia mente, delle mie azioni.
E voglio conoscere quelle dei miei allievi che conduco dolcemente alla consapevolezza di se stessi, a partire dall’ascolto del proprio corpo.
Li porto a capire da soli i benefici dell’asana, non voglio che mi imitino pigramente aspettando che le cose accadano perché se vogliamo incarnare il nostro potenziale umano di Libertà occorre essere consapevoli di ogni nostro gesto, movimento, sensazione, pensiero.
Per questo conduco nella presa dell’asana e nel suo mantenimento in maniera fluida e dettagliata perché voglio che abbiano la consapevolezza di che cosa stanno facendo e di come quello che stanno facendo può aiutarli ad utilizzare meglio gli strumenti necessari allo Spirito per condurre la vita.

Con i miei allievi cerco comunicazione e dialogo, un rapporto alla pari.
Sono sempre a loro disposizione per offrire tutto quello che so, che ho imparato e che continuamente elaboro, aggiorno, studio.
Non mi sento mai arrivata; ogni giorno aggiungo qualcosa in più a ciò che so. Considero ogni evento, ogni parola, ogni persona un messaggio da codificare e da cui imparare e grazie al quale crescere.
Ed il mio Yoga è lo strumento di una ininterrotta caccia al tesoro, lo “studio” mentre lo pratico e lo trasmetto.

E questi strumenti sono:
un corpo sano
una psiche sana

E per fare questo la via dello Yoga conduce ad uno stato di consapevolezza di se e della vita attraverso OTTO punte di un’unica Stella.
Un cammino che si chiama Raja Yoga, la via iniziatica di Patañjali il più grande dei Saggi-Rishì che ha strutturato questa via con OTTO passi “Ashtanga”:
yama
niyama
āsana
prānāyāma
pratyāhāra
dhāranā
dhyāna
samādhi.

Āsana – posture
Lo strumento specifico che lavora sul corpo fisico, in primo luogo eliminandone gli elementi di disturbo e quindi rinvigorendolo e risanandolo ed in secondo luogo facendolo diventare, grazie ad una consapevolezza sempre maggiore di quanto accade fuori e dentro di esso, strumento per uscire dalla dispersione della vita quotidiana ed entrare in un percorso di consapevolezza che conduca a gradi sempre più elevati di PRESENZA di ed a se stessi.

Prānāyāma – controllo del respiro
Lo strumento che lavora su una parte più sottile del corpo fisico: il respiro e di conseguenza il corpo energetico o vitale.
Grazie al Prānāyāma prendendo sempre più coscienza dello svolgersi del ritmo cosmico della vita dentro di noi impareremo a riconoscere lo stato energetico del nostro corpo ed a riportarlo in equilibrio. Radicandoci così in una stabile calma interiore, il Prānāyāma ci condurrà altresì al governo ed alla consapevolezza delle nostre EMOZIONI superficiali o profonde, vicine o lontane, “positive o negative”(vrtti) che giocano un ruolo fondamentale nello stato di salute del nostro corpo (psico-soma).

Dhyāna – meditazione
Lo strumento ulteriore di evoluzione della coscienza che lavora su una parte ancor più sottile di noi. Attraverso di esso impareremo a diventare padroni delle potenzialità della nostra mente uscendo dagli automatismi del pensiero, dalle programmazioni sociali e giungendo al controllo cosciente dell’attività del pensare.

Attraverso questa Via, lo Yoga dona la possibilità di risvegliare ed affinare continuamente il bene più profondo dell’uomo: la consapevole coscienza di Se o meglio, la sua Libertà e la possibilità di agire sulla Terra per il Bene.

Insieme, lavoreremo con tutti questi strumenti.

Vi aspetto